Onlus punto di riferimento informativo e di supporto per pazienti affetti da malformazioni cavernose cerebrali

L’Associazione Italiana Angiomi Cavernosi (AIAC) è una onlus che si prefigge di costituire un punto di riferimento informativo e di supporto per i pazienti affetti da malformazioni cavernose cerebrali, dette anche angiomi cavernosi o cavernomi, e di promuovere il sostegno della ricerca scientifica incentrata sugli aspetti clinici, genetici, cellulari e molecolari di questa malattia.

Fondata il 24 marzo 2012 a Torino a seguito di un workshop scientifico e divulgativo sulle malformazioni cavernose cerebrali a cui hanno partecipato docenti dell’Università di Torino e di altri centri clinici e di ricerca italiani e, in qualità di ospite d’onore, il Dr. Ian Stuart, presidente della Cavernoma Alliance UK, l’AIAC si è costituita con la consulenza e il supporto della Fondazione Telethon e fa seguito alla creazione nel 2011 del portale www.ccmitalia.unito.it, primo punto di incontro per coloro che conoscono da vicino questa patologia, come pazienti o familiari.

L’AIAC opera su scala nazionale, mettendo in contatto le famiglie italiane e costruendo un dialogo continuo con ricercatori e clinici che a loro volta stanno rafforzando le relazioni attraverso il network di ricerca CCM_Italia, composto da ricercatori italiani che studiano le CCM in diversi settori disciplinari. Inoltre collabora con le principali organizzazioni internazionali nel campo, tra cui l’Angioma Alliance e la Cavernoma Alliance UK.

 

L’Associazione Sclerosi Tuberosa sostiene Neurochirurgia Familiare

Set 12, 2017

Sensibilizzare sui problemi legati alla ST per migliorare la qualità della vita dei soggetti colpiti

“Abbiamo trasformato un lutto familiare nell’impegno a favore della ricerca”

Set 24, 2017

La parola ad Annalisa Celeghin, presidente della Fondazione Giovanni Celeghin onlus contro i tumori cerebrali

Tra i partecipanti alla giornata anche l’Associazione Spina Bifida Italia Veneto

Set 01, 2017

Ha lo scopo di promuovere la prevenzione, la cura e la riabilitazione della spina bifida e dell’idrocefalo

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Comment *